24 giugno 2013

Oggetti & Affetti

Tutti quanti, chi in minima misura, chi in maniera accentuata, percepiamo un valore speciale in oggetti che non solo ci riportano a memorie gradite, ma anche che hanno attraversato, magari senza che noi ne possiamo serbare ricordo, la vita di persone amate, hanno ricoperto un ruolo in funzioni di accudimento e cura cariche di affetto, o sono parte di una storia che riconosciamo nostra.

Se questo è ciò che perfino il luogo comune ci suggerisce, non dobbiamo tralasciare come il Feng Shui attribuisca agli oggetti del passato una carica energetica acquisita col tempo, e che può essere positiva o negativa. In fondo, liberarsi di suppellettili e arredi portatori di energia negativa non è troppo difficile, una volta presa la decisione: conosciamo il senso di benessere, a volte di sollievo, che nasce subito dopo una decisa rinfrescata della casa e l’eliminazione di cose radicate in trascorsi da superare e simboli di brutti ricordi, fino ad arrivare a purificare l’ambiente.

Per quanto suoni paradossale, è forse meno semplice definire il proprio modo per circondarsi di energie positive . Se, infatti, quando si tratta di scelte da compiere ex novo attingere al Feng Shui conduce, ad esempio, a collocare una tartaruga, una statuina di giada, un acquario, a seconda di ambienti ed esigenze, la “valutazione” di quanto è già in nostro possesso o ci è stato donato non è sempre ovvia.

Non sto, naturalmente, parlando di una definizione di peso monetario, o di una discriminante basata sul costo.
Alcune presenze, termine che uso per sottolinearne la forza che va al di là di funzione ed estetica, vanno comprese e valorizzate.

In alcuni casi saranno le forme, l’armonia curvilinea o il senso di compiutezza che v’ispirano a sottolineare l’importanza di un arredo da tenere con voi. 
Altre circostanze, invece, richiederanno una riflessione con cui staccarsi dal generico concetto di “ricordo di famiglia”, per domandarsi come un oggetto sia denso di carica protettiva, di calore gioioso, di senso del felice auspicio.
Da tale esame uscirà un piccolo gruppo di tesori: saranno loro a entrare nella vostra casa, per tenervi compagnia, offrirvi accoglienza, regalarvi il conforto di una speciale sicurezza. 

Non è così importante la tipologia di oggetto: potrebbe trattarsi di un vaso in cui vostra nonna collocava sempre semplici fiori che rallegravano l’ambiente, di una sedia su cui sedeva sempre una persona cara e speciale, di una marina dipinta a olio che suscitò sogni di bambini, e altre innumerevoli possibilità.

19 giugno 2013

Ci vuole ... un Fiore!

All'inizio dell’estate, non è difficile, magari percorrendo qualche anonima strada di periferia, imbattersi in piccoli sprazzi di verde resi squillanti dal giallo dei fiori spontanei. Ancor più in piena campagna, l’occhio amante della natura si sofferma su campi accesi e armoniosi. Perché non portare, proprio nel nome di una palette naturale, queste immagini dentro casa?

Specie in stanze di passaggio e movimento, elaborando l’ispirazione in linea con l'elemento Terra del Feng Shui, i colori manterranno la loro promessa. Proprio il giallo è fortemente legato alla Terra: potrebbe essere potenziato con l’uso di forme quadrate, in un tappeto, o con cuscini o ancora svuota tasche di questo colore.



Non fermatevi, però, al giallo vivo dei petali: pensate al tono più delicato degli stami, perfetto per pareti eleganti, all'intensità solare del polline, da richiamare in dettagli decorativi, mentre la luce chiarissima che crea una sorta di trasparenza nelle corolle, non gialla e non bianca, suggerisce la stessa delicata positività che otteniamo con lievissimi tendaggi avorio, e con paralumi in tessuti naturali che lascino filtrare e insieme smorzino l’illuminazione. Le sfumature sono molto vicine, come in un insieme di colori che qualcuno chiamerebbe classico, però, a fare la differenza e ad accentuarne la naturale armonia, contribuirà il modo di dosarli, ricalcato da un semplicissimo fiore di campo, o perfino dalle simpatiche infiorescenze di quella che la maggior parte della gente chiama “erbaccia”, tenace fino a divenire capace di crescere in un infimo varco del cemento, a ridosso dei muri, nel più desolato degli habitat


In ogni prato compare il verde: il consiglio è tuttavia quello di non utilizzare la gradazione abbastanza stucchevole in genere definita “erba”, ma scegliere un verde più denso e pastoso, imitando i gambi dei fiori, e introdurlo nell'arredo a piccole dosi.
Poche, ma ben scelte, piante dalle lucide foglie in prossimità dell’ingresso, finestre aperte affinché aria pulita invada l’ambiente, qualche candela dal colore della cera naturale, e un ampio scorcio di casa vostra regalerà la stessa voglia di rilassarsi e di lasciar andare ogni pensiero negativo di chi si sdraia in un prato a lasciarsi carezzare dal vento estivo.

17 giugno 2013

Una Casa Emozionale

A quanti è capitato, entrando in un appartamento, magari molto elegante, curato nei dettagli e con mobili e complementi di pregio, di avvertire tuttavia qualcosa di stonato, disagevole, ben oltre gli abbinamenti di colori, stili e materiali?
Molto peggio sarebbe percepire simili sensazioni nella nostra casa, che non dobbiamo limitarci ad abitare, nemmeno fosse un alloggio di fortuna, ma che vogliamo vivere. 
Non è un caso se spesso i termini Feng Shui e Arredo Emozionale vengono associati.

Una vera casa viene “sentita”, 
non si limita a “piacerci”

Il primo consiglio, semplice ma non ovvio, è legato a una forma di ascolto: di noi stessi, ma anche degli spazi. 
Un esempio elementare?
L’insieme di tessuti e carta da parati che reputavamo così bello all'interno dello show room, tanto da volerlo acquistare senza indugio, una volta inserito nel nostro ambiente si rivela sbagliato: può capitare per un errore di valutazione, legato al grado di luminosità, all'orientamento o alla destinazione d’uso della camera, oppure per una discrepanza con le nostre emozioni ed esperienze. 

Ancora più faticoso e deleterio sarebbe vivere circondati da oggetti carichi dell’energia negativa dei brutti ricordi, quando invece ciò che risveglia in noi emozioni positive è sempre prezioso. Conservate, quindi, quei mobili e quei dettagli che sono parte vera della vostra storia, e portano intorno l’amore, la gioia, il senso di sicurezza e protezione. 


Qualcuno potrebbe pensare a sconsiderati accumuli di roba, allo stipare cose senza mai buttare nulla: invece il procedimento da seguire è l’esatto contrario. Una volta eliminati, se ci sono, oggetti negativi, come quelli legati a brutti periodi e a persone che ci hanno delusi, occorre selezionare attentamente pochi retaggi davvero significativi delle pagine più belle della nostra vita, ricordi di grande affetto, irripetibili simboli di fasi di crescita, e metterli in luce.

Sul piano pratico, il suggerimento è collocare un mobile o un quadro perché ne testimoniate il valore emozionale: l’estetica e l’eleganza non saranno né penalizzate né sacrificate, se, con lo stesso sguardo interiore con cui li avete scelti, guarderete i tesori affettivi immaginando il loro futuro. 
Considerate a priori la possibilità che dall'osservazione sorgano suggerimenti e rimandi, a colori, forme, elementi da porre in dialogo. 
Riverniciare, rivestire, restaurare a oltranza non sempre sono le opzioni migliori:  sono proprio i graffi, le sbucciature e l'aria vissuta a dare peso emotivo alle mute presenze, collocate in un quadro coerente e armonioso.

15 giugno 2013

Case... in Vacanza!

Quest'anno le previsioni dicono che circa il 34% degli italiani, resterà a casa per le vacanze estive.
No Problem.
Certo la notizia non è affatto delle migliori ma noi siamo convinti che da ogni situazione se ne può trarre il lato positivo!
Quindi, ecco per voi alcuni semplici e pratici suggerimenti per creare nella vostra casa un'atmosfera di relax e benessere, proprio come se fosse una casa di villeggiatura.

-  Liberare il giardino, il terrazzo o il balcone (soprattutto se piccolo) di tutto ciò che non serve e pulirli a fondo, compreso infissi e persiane. Sistemare piante e fiori di stagione che, innaffiate la sera, emaneranno quel profumo tipico del terreno bagnato riportando la mente a grandi luoghi aperti. Bastano due sedie ed un tavolino per sistemare un angolino/bar. Piacevole appuntamento serale nel quale coinvolgere occasionalmente amici e parenti.-  Durante il giorno, tenere le persiane socchiuse, genera penombra il che eviterà che i raggi del sole entrino direttamente in casa, mantenendo una piacevole frescura.

-  Cambiate il colore dei tessuti, la dove è possibile, come per esempio copriletti, copridivani, cuscini di arredo, fatelo preferibilmente con colori freschi di tonalità pastello: verde acqua, azzurro cielo, rosa pallido, giallo canarino,  lilla....

- Con un budget minimo potreste acquistare una fontana da interni, ne esistono di tantissimi tipi, dimensioni e prezzi. Lo scorrere dell'acqua genera un soave suono che infonde calma e tranquillità (tipico dell' Elemento Acqua) e porta la mente ad immaginare meravigliosi luoghi offerti GRATIS da Madre natura. 

Sarà meraviglioso scoprire che per sentirsi in vacanza non è necessario volare lontano . . . 
. . . basta volere per volare! 

13 giugno 2013

Il Colore ... Naturale!

Qualsiasi manuale o periodico dedicato all'arredamento dedica pagine e pagine alla scelta degli abbinamenti cromatici, e i blog di decorazione traboccano d’immagini suggestive da cui prendere spunto.
Ma quali sono i criteri veri con cui si scelgono le colorazioni che renderanno la nostra casa, non solo completa, ma diversa da ogni altra, e con i quali vivremo tanti momenti, attività, emozioni?

Gli elementi da scegliere sono tanti, perché, una volta dipinte o tappezzate le pareti, e considerato o rifatto il pavimento, occorre ricercare tende, complementi tessili e non, decori e dettagli.

C’è chi si affida a qualche vecchia regola base - tipo i colori chiari allargano gli spazi - senza considerare le variabili che rendono solo talvolta esatte tali convinzioni; altri invece copiano pedissequamente una tendenza alla moda o uno stile storico, oppure si accontentano della palette, o tavolozza che dir si voglia, impostata dal negozio in cui acquistano mobili e complementi.

Non mancano coloro i quali dichiarano di amare a prescindere un colore, e vorrebbero usarlo senza valutare orientamento e caratteristiche della casa, oppure ritengono che l’antidoto a ogni passo falso sia optare per il tutto bianco oppure per i toni naturali.

E qui veniamo al punto.

12 giugno 2013

Accendi l'Armonia.

Stanchezza, depressione e stress, spegnili così!
Cambia il tuo spazio vitale, sostituendo qualche lampadina di luce bianca con lampadine colorate.
L'armonia dell'insieme, risulterà essere diversa secondo il colore che sceglierai.
Sarà interessante scoprire il tipo di influenza che avrà ogni tonalità, sul tuo umore e come questo ne beneficerà.

Provaci!





Iscriviti