31 dicembre 2014

Tanto per cominciare...


Spesso ci abituiamo a situazioni di disagio che con il passare del tempo diventano apparentemente impercettibili e inevitabilmente dannose.

Mi è capitato di constatare sulla mia pelle che una posizione del corpo, costretta dalla quotidianità ad assumere una forma sbagliata, provoca danni al fisico che ovviamente si ripercuotono sulla mente.

Il mio computer si trovava sulla destra della scrivania ed io per lavorare ero costretta a torcere il busto verso quella direzione. Nonostante la sedia ergonomica che permetteva la rotazione del sedile, spesso distratta dal lavoro non ero attenta a che ciò accadeva e mi ritrovavo a usare il pc in una posizione sbagliata.
Mi sono rivolta a vari specialisti per capire il motivo di un fastidio perenne sotto la costola destra. Cominciavo a preoccuparmi seriamente perché, nonostante gli accertamenti e le cure che mi venivano prescritte, il  problema non si risolveva.

La qualità della mia vita in quel periodo ha avuto ovviamente delle ripercussioni negative, sia nel privato che sul lavoro. Ero sempre tesa e nervosa. Finché un giorno per caso, ho incontrato un amico che mi ha aperto un mondo: "Potrebbe essere un problema di postura....." mi ha detto.

Un problema di postura???? solo???
Non mi sembrava vero che potesse essere così banale!
Ma ci ho voluto credere. E bene ho fatto.

Il giorno dopo ho deciso di cambiare la sedia, ne ho scelta una che non avesse la possibilità di ruotare e che mi costringesse ad una posizione corretta così da non ritrovarmi "distrattamente contorta" su me stessa!

Nel giro di qualche giorno il mio fastidio? SPARITO!

Non dobbiamo "abituare" il nostro corpo e peggio ancora la nostra mente a situazioni di disagio se vogliamo evitare che tali situazioni ci condizionino negativamente la vita.

Se cominciamo ad esercitare "il sentire"noi stessi, ci risulterà molto più facile percepire lo spazio in cui viviamo che inevitabilmente influenza il nostro benessere.

A proposito, mi presento:

Mi chiamo Fulvia Vellusi, orgogliosamente napoletana con 25anni di esperienza nel settore arredamento, restyling e progettazione nonché fervida sostenitrice del Feng Shui .



1 settembre 2014

La Salute al Centro di ogni casa.


Buonasera,
mi chiamo Margherita e sono nata il 13-01-1978; da un anno circa mi sono trasferita a casa del mio compagno, nato il 3 febbraio 1978. L'appartamento è molto bello, ho apportato delle migliorie insieme a lui, perchè ci abitava con l'ex moglie e molte cose ha dovuto restituirle. Con lui sono felice e fino a questo Natale non ci sono stati problemi di salute; ho cominciato però ad accumulare molto stress e a soffrire d'insonnia, a volte per pensieri legati al lavoro (insegnante scuola infanzia), altre volte senza un motivo evidente. Sin da subito ho avvertito qualcosa che mi opprimeva entrando in questa casa, una specie di cupezza o tristezza che non saprei definire;
ho gettato un pò di acqua benetta nelle varie stanze e devo dire che qualcosa è cambiato, c'è una "luce" diversa. In seguito, qui sono riuscita a risolvere alcuni problemi di salute che mi disturbavano da molti anni, ma ne sono nati di nuovi: in maggio mi hanno asportato un fibroma dall'ovaio sinistro e un pezzetto dello stesso ovaio. Dopo l'operazione ci sono stati molti eventi (matrimonio di mia sorella e laurea dell'altra) e dopo questi ho sofferto di un mal di schiena lombare che a volte mi impediva di camminare; dagli esami risulta una scoliosi del rachide con lombosacralgia, che si sta "risolvendo" con farmaci e busto....
Non so che fare, vorremmo cambiare casa ma per ora non ne abbiamo la possibilità; desideriamo tanto avere dei figli ma non sono arrivati, nonostante l'"impegno"!
Come puoi vedere dalla planimetria, in casa ci sono due cani (uno taglia piccola, un po' triste e a volte irrequieto, l'altro tagila media coccolone e pacifico); abbiamo anche due pappagalli, uno tranqullo, ben educato e fa molta compagnia, l'altro è diverso e a volte gracchia, anzi urla, ma non si sa perché. Lo spazio dedicato a loro è ampio e collegato alla cucina da un arco, ma con delle porticine in legno che si possono aprire e chiudere; in cucina invece c'è un geko africano, nell'angolo accanto alla porta finestra che dà sul balcone (con panorama bellissimo). Chiedo un consiglio soprattutto per il problema salute.
Grazie per il tuo blog, che ho trovato semplice, ben fatto e "positivo". A presto,
Margherita

Benvenuta Margherita,
Abbiamo esaminato la tua situazione.
Il tuo Numero Qua è il 2 , elemento Terra.
La posizione di tale elemento è il Centro che corrisponde proprio al settore della vita "Benessere" inteso in senso spirituale, mentale e fisico.

Analizziamo adesso la tua planimetria.


Il Centro della tua casa è l'Ingresso ed è da qui che cominceremo ad applicare dei miglioramenti. Non avendo ricevuto fotografie per poter definire quali potrebbero essere i "rimedi" , ti invitiamo a seguire qualche consiglio.

  • Introduci poster o quadri raffiguranti paesaggi (montagne, colline, campagne).
  • Usa il colore Giallo per qualche dettaglio come una parete, le cornici dei quadri, un tappeto. Anche il Rosso è un colore indicato per questa zona nel tuo caso, in quanto corrisponde all'elemento Fuoco che alimenta l'energia della Terra.
  • Posiziona vasi di ceramica o terra cotta. Anche le Candele saranno utili allo scopo.
  • Sistema davanti alla porta d'entrata (verso l'esterno) due Guardiani, per esempio vasi con piante, statue o comunque due oggetti uguali che avranno la funzione di rafforzare il senso di protezione.
  • Evita specchi rivolti direttamente all'ingresso, meglio se spostati su un lato.
Continuando con l'esplorazione del tuo appartamento secondo il Bagua abbiamo riscontrato la mancanza di uno dei settori fondamentali che è quello che corrisponde alla Carriera, relativo quindi al lavoro, ed è posizionato al Nord (elemento Acqua). Come saprai Feng Shui vuol dire Vento Acqua, cioè due forze della Natura che si muovono in Armonia e generano Equilibrio.



Nel tuo caso possiamo trattare il pianerottolo come una camera dell'appartamento e inserire le caratteristiche del suo elemento per ripristinare l'equilibrio. 
Contribuiranno allo scopo i seguenti rimedi:
  • Una vasca con pesciolini rossi.
  • Una fontanella.
  • L'introduzione di colori come il blu, il nero e il bianco.
Considerare il pianerottolo parte integrante della casa, ripristinerebbe una forma regolare alla planimetria rendendola favorevole per il Feng Shui. 


Come si può notare dall'immagine allegata su alcune pareti abbiamo posizionato un pallino rosso. 
Quelle sono le zone di ogni stanza da trattare perché corrispondono all'elemento Metallo che per il Ciclo Creativo alimenta l'energia Acqua di cui il tuo appartamento necessita. 
Tali pareti inoltre corrispondono al settore della vita relativo ai Figli e Creatività che sicuramente gioverà di tale intervento.

Ben vengano gli animali in casa, purché lo spazio a loro destinato sia mantenuto pulito e in ordine con molta attenzione. Il settore a cui corrisponde la loro stanza è quello della Prosperità e per questo va seguito con cura e amore.

Per concludere, cara Margherita, a proposito della precedente convivenza che il tuo compagno ha avuto in questa casa, riteniamo che sia di vitale importanza per il vostro attuale rapporto liberarvi di tutto ciò che può essere rimasto soprattutto se rappresenta motivo di discordia o che solo lo rievoca. 
Liberatevene ADESSO! e fatelo con il cuore. 
Lo spazio liberato farà entrare nella vostra vita bellissime novità.

Tutto ciò che abbiamo descritto deve avvenire si con Amore e Determinazione, ma soprattutto seguendo il Buon Senso (che sicuramente non prevede il sostituire i nostri consigli con consulti di medici specialisti!) , così potrai beneficiare del cambiamento che avverrà.

I risultati potresti non notarli subito ma arriveranno.

Tienici al corrente!

Ogni Bene.

23 aprile 2014

La Lingua della Suocera. Inaspettato rimedio!

Tra i "rimedi" più comuni per riattivare e/o rigenerare l'energia di angoli o punti critici in una casa, ristagni che si riflettono inevitabilmente nei rispettivi settori della nostra vita secondo il Feng Shui, ci sono le Piante. 

Non esistono regole specifiche per la scelta delle piante da inserire in un ambiente, l'importante per lo stato di salute delle stesse è che ci sia un'adeguata illuminazione e un'attenta cura del loro nutrimento. 

Ci sono piante che si prestano più di altre, in alcuni casi specifici, per le caratteristiche che le contraddistinguono.


Le piante a foglia larga sono simbolo di generosità e abbondanza e per questo sono spesso associate all'energia positiva, molto utilizzate nei pressi delle entrate e delle uscite dei locali. 

Alcune piante grasse, di contro, sono ritenute meno efficaci, per alcuni addirittura nefaste, per la presenza delle spine sulle loro grosse foglie. Ma esistono anche Piante Succulente che giovano all'energia che ci circonda, per esempio posizionate accanto a dispositivi elettronici come il monitor del computer, riescono ad assorbire le radiazioni che gli stessi emettono.

Esistono tre specie di piante che oltre ad essere ornamentali e assolvere funzione estetica, sono utili all'ambiente in quanto purificano lo spazio in cui vivono.


L’Areca (Chrysalidocarpus lutscens) o anche detta "Pianta del Soggiorno" è quella che pulisce l’aria durante le ore diurnee indicata per la zona giorno della casa. 

La Sansevieria Trifasciata, detta "Lingua di Suocera" trasforma l'anidride carbonica in ossigeno lavorando di notte e per questo forse è una delle poche piante, (nonostante il nome!) più adatta alla camera da letto. Sei o sette "Sansevieria Trifasciata", alte fino alla cintola, e quattro "Areca" ben cresciute, coprono il fabbisogno di una persona. 


La "Specialista" ovvero il Potos, completa il compito delle prime due, infatti filtra l'aria e la ripulisce dalla formaldeide. 


Il posizionamento ideale per le piante in casa, secondo il Bagua, è l'Est che corrisponde all'energia Legno a cui le piante appartengono, favorevole è anche il Sud-Est. Meno indicato invece è l'orientamento a Nord in quanto l'energia Legno, assorbendola, indebolirebbe l'energia Acqua di cui il Nord è generatore secondo il principio del Ciclo di Distribuzione.




Iscriviti